Informazioni utili sulla configurazione del tag UET

Tutto ciò che è necessario sapere per la configurazione del tag UET: Creazione del tag, aggiunta del tag nel sito Web e modifica del tag per le funzionalità avanzate. Sono inclusi anche suggerimenti per la risoluzione dei problemi.

Questo articolo illustra come creare un tag UET, aggiungerlo al sito Web, modificarlo per le funzionalità avanzate di monitoraggio e definizione del target, nonché risolvere i problemi che possono verificarsi.

Per ulteriori informazioni sul tag UET, vedere Che cos'è e come funziona UET?

Prima di poter monitorare le conversioni o definire gruppi di destinatari target mediante un elenco di remarketing, è necessario creare un tag UET in Microsoft Advertising e quindi aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET in ogni pagina del proprio sito Web.

  1. Nel riquadro di navigazione sinistro fare clic su Monitoraggio conversioni e quindi su Tag UET (oppure nel menu globale nella parte superiore della pagina fare clic su Strumenti e quindi su Tag UET).
  2. Fare clic su Crea tag UET e quindi immettere un nome.
  3. Facoltativo: immettere una descrizione che consenta di identificare il tag UET in futuro. Potrebbe essere correlata allo scopo per cui viene pubblicato il tag, al nome o all'URL del sito Web.
  4. Fare clic su Salva.
  5. Nella casella Codice di monitoraggio tag UET fare clic su Copia, Download o E-mail e quindi su Fine.
Importante

Per aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET, è necessario essere in grado di modificare il codice del proprio sito Web. Se non si sa come procedere per modificare il codice, rivolgersi al proprio webmaster.

Il passaggio successivo dopo la creazione di un tag UET è l'aggiunta del codice di monitoraggio del tag UET al proprio sito Web. È consigliabile che l'utente o il webmaster lo aggiunga in ogni pagina del sito Web nella sezione dell'intestazione o del corpo.

Quando si utilizzano i tag UET, sono disponibili alcune opzioni. È possibile aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET direttamente nel codice del sito Web mediante JavaScript oppure utilizzare uno strumento di gestione dei tag di terze parti. Se il sito Web viene creato su una piattaforma (come Shopify o WordPress), è inoltre possibile utilizzare tale sistema per aggiungere il tag UET.

Nota

È possibile aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET in qualsiasi punto della sezione dell'intestazione della pagina Web (prima del tag head di chiusura "</head>") o della sezione del corpo (prima del tag body di chiusura "</body>").

Aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET al sito Web direttamente expando image
Se il codice di monitoraggio viene copiato oppure si dispone di una versione del codice di monitoraggio scaricata o ricevuta tramite e-mail, è possibile incollarlo nel sito Web e andare direttamente al passaggio 4.
  1. Nel riquadro di navigazione sinistro fare clic su Monitoraggio conversioni e quindi su Tag UET (oppure nel menu globale nella parte superiore della pagina fare clic su Strumenti e quindi su Tag UET).
  2. Nella tabella individuare il tag UET che si desidera utilizzare e fare clic su Visualizza tag nella colonna Azione.
  3. Nella casella Codice di monitoraggio tag UET fare clic su Copia e quindi su Fine.
  4. Incollare il codice di monitoraggio del tag UET in ogni pagina del sito Web, nella sezione dell'intestazione o del corpo.. Nell'immagine il codice di monitoraggio del tag UET viene incollato nella parte superiore della sezione del corpo della pagina Web.
    Tag UET
Aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET mediante uno strumento di gestione dei tag expando image

Gli strumenti di gestione dei tag sostituiscono i tag statici con tag dinamici che risultano più semplici da implementare e aggiornare. Il tag dinamico è un contenitore, un piccolo frammento di codice che consente di inserire dinamicamente tag nel proprio sito Web. Il tag contenitore è in pratica un bucket che contiene altri tipi di tag.

UET funziona con tutti i principali sistemi di gestione dei tag. Di seguito è disponibile l'elenco dei sistemi di gestione dei tag attualmente verificati e supportati con collegamenti alle istruzioni per il loro utilizzo:

Aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET mediante la piattaforma del sito Web expando image

UET è progettato per funzionare con tutte le principali piattaforme di siti Web.. Di seguito è disponibile l'elenco delle piattaforme di siti Web attualmente verificate e supportate che consentono di installare tag UET. L'elenco include anche collegamenti alle istruzioni per il loro utilizzo:

Note
  • Per vedere un esempio di codice di monitoraggio del tag UET JavaScript installato nel corpo di una pagina Web, visitare questa pagina Web (disponibile solo in inglese), fare clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina Web e quindi scegliere Visualizza sorgente o Visualizza sorgente pagina in base al browser.
  • Mentre le pagina Web viene caricata, attiva il tag UET creando diverse richieste HTTP. La richiesta più importante è quella per "bat.bing" (ovvero quella simile a "http://bat.bing.com/action/0?ti=..."). Questa richiesta trasmette a Microsoft Advertising informazioni sulle visite degli utenti alla pagina Web. È possibile utilizzare strumenti di terze parti come Fiddler per monitorare tutte le richieste che il browser crea quando la pagina Web viene caricata.

Utilizzo dei tag UET con siti Web di tipo applicazione a pagina singola (SPA)

Anche se sono abbastanza diffusi, i siti Web di tipo applicazione a pagina singola (SPA) sono difficili da monitorare. In un sito SPA il contenuto viene caricato dinamicamente senza che si verifichi un tipico evento di navigazione. In un certo senso, la pagina viene caricata una volta sola. Dal punto di vista dell'analisi e del monitoraggio degli obiettivi, è tuttavia necessario trattare ogni navigazione distinta come il caricamento di una nuova pagina.

Come procedere per abilitare i tag UET nei siti SPA expando image

Nei siti Web SPA è necessario utilizzare il codice di monitoraggio del tag UET JavaScript. Gli eventi SPA vengono attivati utilizzando la stessa sintassi degli eventi personalizzati, con l'azione 'page_view' e il parametro 'page_path' obbligatorio ('page_title' è facoltativo). Il parametro 'page_path' deve iniziare con '/'. Esempio:

window.uetq = window.uetq || []; 
window.uetq.push('event', 'page_view', { 'page_path': '/spa_page' });
Nota

Se si inviano eventi page_view, è necessario assicurarsi che non siano presenti obiettivi di conversione evento o elenchi di remarketing personalizzati in cui il parametro "azione evento" è impostato su "page_view".

Di seguito sono illustrati tre modi diversi di attivare gli eventi SPA. Si tenga presente che è consigliabile utilizzare il primo modo. Per ogni opzione, è disponibile una pagina Web di esempio che è possibile visitare per vedere come funziona il codice appropriato.

  • Modifica del contenuto: Un evento SPA viene attivato ogni volta che l'applicazione carica contenuto dinamico. In questo caso, l'URL effettivo viene automaticamente inviato in un evento pageLoad standard al primo caricamento. È possibile utilizzare questo URL negli obiettivi di destinazione. Ogni evento personalizzato attivato nella prima pagina verrà associato a tale URL. Ogni evento SPA genererà un evento pageLoad con l'URL SPA, che non deve necessariamente essere un percorso caricabile. È possibile fare riferimento a questi URL anche negli obiettivi. Qualsiasi evento personalizzato attivato dopo un evento SPA verrà associato solo all'evento pageLoad SPA, ovvero non all'URL originale.
  • Tutte le pagine: Un evento SPA viene attivato in tutte le pagine, incluso il caricamento iniziale. Questo scenario è analogo a quello precedente, ad eccezione del fatto che l'evento pageLoad automatico non viene utilizzato. Poiché l'attivazione viene comunque eseguita, è importante ordinare gli eventi in modo che l'evento SPA venga attivato prima di qualsiasi altro evento personalizzato. Se vengono attivati senza applicare tale ordine, è possibile che alcuni o tutti gli eventi vengano associati all'evento pageLoad automatico (e all'URL originale), anziché all'evento pageLoad SPA (e all'URL SPA che include page_path).
  • Tutte le pagine con disabilitazione automatica: Un evento SPA viene attivato in tutte le pagine e il caricamento automatico della pagina viene disabilitato. Questo comportamento viene ottenuto aggiungendo "disableAutoPageView: true" nei parametri di inizializzazione. Nota: non modificare il frammento di codice direttamente per la disabilitazione. Questo scenario è analogo al precedente ma non richiede che l'evento SPA venga attivato per primo al caricamento della pagina iniziale. È comunque necessario che gli eventi SPA successivi vengano attivati prima di qualsiasi evento personalizzato associato a tali eventi. In caso contrario, l'evento personalizzato verrebbe attribuito all'evento SPA precedente.

Alcune funzionalità di monitoraggio e definizione del target richiedono la modifica del tag UET. Le istruzioni seguenti presuppongono che il tag UET sia già stato creato e aggiunto al sito Web.

Modifica del tag UET...

Per monitorare eventi personalizzati expando image

Dopo aver creato l'obiettivo di conversione di un evento personalizzato o l'elenco di remarketing che utilizza gli eventi personalizzati (vedere Come monitorare eventi personalizzati con UET), è necessario aggiungere il codice JavaScript dell'evento personalizzato al codice di monitoraggio del tag UET. Si supponga che l'evento personalizzato che si desidera monitorare nella pagina Web sia persone che fanno clic su un pulsante "Scarica ora" in una delle proprie pagine Web.

  1. Aggiungere il seguente codice JavaScript dell'evento personalizzato sotto il tag UET che è stato aggiunto al codice della pagina Web nel passaggio 1:
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>

     // Si supponga di aver incollato qui il tag UET nel passaggio 1.


    <script>Il tag UET è qui.</script>

     // Incollare qui il codice JavaScript seguente:

    <script>
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});
    </script>



       ...
    <button>Download now</button>

       ...
    </body>
  2. Specificare un nome di funzione per questo frammento di codice. È possibile utilizzare un nome di funzione qualsiasi che non sia già stato utilizzato nel sito Web. In questo esempio verrà utilizzato "GetCustomEvent()":
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>
    <script>Your UET tag is here.</script>

    <script>

       function GetCustomEvent() {

       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});

       }

    </script>

       ...
    <button>Download now</button>

       ...
    </body>
  3. A questo punto è necessario personalizzare il codice della pagina Web in modo che richiami questa funzione quando si verifica l'azione appropriata. In questo esempio l'evento personalizzato è un clic sul pulsante "Scarica ora" ed è quindi necessario aggiungere una chiamata nel codice del pulsante:
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>
    <script>Your UET tag is here.</script>

    </script>

    <script>
       function GetCustomEvent() {
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});
       }
    </script>

       ...
    <button OnClick="GetCustomEvent()">Download now</button>

       ...
    </body>
  4. Si noti che nel codice JavaScript dell'evento personalizzato sono presenti quattro parametri diversi: 'event', 'event_category', 'event_label', and 'event_value'. Questi parametri corrispondono a quelli definiti per l'obiettivo di conversione dell'evento personalizzato nel passaggio 2. Nel codice JavaScript aggiunto, ai parametri sono stati assegnati valori segnaposto:
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>
    <script>Your UET tag is here.</script>

    </script>

    <script>
       function GetCustomEvent() {
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});
       }
    </script>

       ...
    <button OnClick="GetCustomEvent()>Download now</button>

       ...
    </body>
  5. Il codice JavaScript aggiunto deve restituire a Microsoft Advertising un valore quando si verifica l'evento personalizzato e tale valore deve corrispondere a quello immesso nel passaggio 2. In questo esempio vengono monitorati i clic sul pulsante che sono eventi Azione come indicato nel passaggio 2 (e sono rappresentati da 'event' nel codice JavaScript). È quindi necessario modificare il valore del segnaposto del parametro 'event' (ed è possibile rimuovere gli altri tre parametri):
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>
    <script>Your UET tag is here.</script>

    <script>
       function GetCustomEvent() {
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'downloadbuttonclick', {});
       }
    </script>

       ...
    <button OnClick="GetCustomEvent()>Download now</button>

       ...
    </body>
  6. Salvare e distribuire il codice del sito Web modificato.

Per vedere un esempio di codice di monitoraggio del tag UET di un evento personalizzato installato nel corpo di una pagina Web, visitare questa pagina Web (disponibile solo in inglese), fare clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina Web e quindi scegliere Visualizza sorgente o Visualizza sorgente pagina in base al browser. Nella pagina sono inoltre presenti alcuni pulsanti. Ogni pulsante attiva un evento personalizzato. Se si utilizza uno strumento di monitoraggio di terze parti come Fiddler, è possibile vedere la richiesta HTTP generata per bat.bing.com per segnalare ogni evento personalizzato.

Note
  • Mentre le pagina Web viene caricata, attiva il tag UET creando diverse richieste HTTP. La richiesta più importante è quella per "bat.bing" (ovvero quella simile a "http://bat.bing.com/action/0?ti=..."). Questa richiesta trasmette a Microsoft Advertising informazioni sulle visite degli utenti alla pagina Web. È possibile utilizzare strumenti di terze parti come Fiddler per monitorare tutte le richieste che il browser crea quando la pagina Web viene caricata.
  • Per gli eventi personalizzati, viene attivata una richiesta HTTP aggiuntiva per segnalare lo stesso a Microsoft Advertising. La richiesta è simile a quella per bat.bing ma include parametri per segnalare l'evento personalizzato diversi da quelli per segnalare le visite della pagina.
Per monitorare i ricavi variabili expando image

Dopo aver creato un obiettivo di conversione dei ricavi variabili (vedere Come segnalare ricavi variabili con UET), è necessario modificare il codice di monitoraggio UET per supportarlo.

Di seguito è disponibile un esempio che illustra come passare i ricavi variabili per un obiettivo di tipo URL di destinazione nelle pagine PHP. In questo esempio, un valore dinamico per i ricavi variabili viene letto da una funzione JavaScript. È possibile inviare semplicemente un valore statico oppure leggere da una variabile JavaScript o un elemento HTML.

Per aggiungere il codice alle pagine PHP mediante l'editor della pagina Web, vedere il seguente codice di monitoraggio del tag UET di esempio:

 <script>
(function(w,d,t,r,u){var f,n,i;w[u]=w[u]||[] ,f=function(){var o={ti:"TAG_ID_HERE"}; o.q=w[u],w[u]=new UET(o),w[u].push("pageLoad")} ,n=d.createElement(t),n.src=r,n.async=1,n.onload=n .onreadystatechange=function() {var s=this.readyState;s &&s!=="loaded"&& s!=="complete"||(f(),n.onload=n. onreadystatechange=null)},i= d.getElementsByTagName(t)[0],i. parentNode.insertBefore(n,i)})(window,document,"script"," //bat.bing.com/bat.js","uetq");
</script>

<script> function GetRevenueValue() { return 6; }
</script>
<script>
window.uetq = window.uetq || []; window.uetq.push('event', '', {'revenue_value': GetRevenueValue(), 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'});
</script>
  1. Aprire il file della pagina di conferma della conversione. Se più pagine vengono generate dallo stesso file, individuare la sezione del file che genera la pagina di conversione.
  2. Aggiungere o verificare che il sito disponga di una funzione JavaScript che definisce i ricavi variabili. Nel codice precedente, è:
     <script> function GetRevenueValue() { return 6; } </script> 

    È necessario sostituire questa sezione con la propria funzione JavaScript.

  3. Aggiungere il codice uetq.push alla fine del codice di monitoraggio del tag UET per associare il valore dei ricavi a un obiettivo di conversione. Aggiornare il valore dell'importo per il parametro 'revenue_value' con il valore definito nel passaggio 2. Nel codice precedente, è:
     <script> window.uetq = window.uetq || []; window.uetq.push('event', '', {'revenue_value': GetRevenueValue(), 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'}); </script> 

    Note
    • Il comando 'event' è sempre necessario, anche se non si sta segnalando alcuna azione Evento. Quando si segnala un ricavo variabile per un obiettivo URL di destinazione, è necessario lasciare l'azione Evento vuota (ad esempio, 'event', ") e nell'evento possono essere presenti solo i parametri revenue_value e currency.
    • Per visualizzare l'elenco completo di codici di valuta, vedere Valute ricavi obiettivo conversione. È possibile rimuovere il parametro 'currency' se nell'obiettivo di conversione non è impostata alcuna valuta.
  4. Assicurarsi che il codice di monitoraggio del tag UET modificato venga aggiunto nel corpo della pagina di conferma della conversione, che è la pagina che il cliente vede dopo che ha completato l'azione che si desidera monitorare (ad esempio la pagina di conferma dell'acquisto).

    Suggerimento: Cercare il tag "</body>" e inserire il codice di monitoraggio del tag UET immediatamente sopra tale tag.

  5. Salvare e caricare la pagina nel server Web.
Opzioni avanzate: Esempi di codice per gli obiettivi di conversione eventoexpando image

Ora che si conosce il codice da aggiungere alla fine del codice di monitoraggio del tag UET per gli obiettivi di conversione URL di destinazione, ecco alcuni altri codici da provare:

Obiettivo di conversione evento

Per segnalare i ricavi variabili per un obiettivo di conversione evento, è necessario aggiungere un codice diverso. Se si utilizza la stessa funzione JavaScript del passaggio 2, avrà l'aspetto seguente:

<script> window.uetq = window.uetq || []; window.uetq.push('event', 'Event action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value', 'revenue_value': GetRevenueValue(), 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'}); </script> 

Nota: Per visualizzare l'elenco completo di codici di valuta, vedere Valute ricavi obiettivo conversione.

Note
  • Per vedere un esempio di codice di monitoraggio del tag UET dei ricavi variabili installato nel corpo di una pagina Web, visitare questa pagina Web (disponibile solo in inglese), fare clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina Web e quindi scegliere Visualizza sorgente o Visualizza sorgente pagina in base al browser.
  • Mentre le pagina Web viene caricata, attiva il tag UET creando diverse richieste HTTP. La richiesta più importante è quella per "bat.bing" (ovvero quella simile a "http://bat.bing.com/action/0?ti=..."). Questa richiesta trasmette a Microsoft Advertising informazioni sulle visite degli utenti alla pagina Web. È possibile utilizzare strumenti di terze parti come Fiddler per monitorare tutte le richieste che il browser crea quando la pagina Web viene caricata.
  • Per i ricavi variabili, viene attivata una richiesta HTTP aggiuntiva per segnalare questo valore a Microsoft Advertising. La richiesta è simile a quella per bat.bing ma include parametri per segnalare i ricavi diversi da quelli per segnalare le visite della pagina.
  • È possibile convalidare il tag dei ricavi variabili mediante UET Tag Helper.
Per utilizzare il remarketing dinamico expando image

Dopo aver creato un elenco di remarketing dinamico (vedereElenchi di remarketing dinamici: Remarketing per i prodotti), è necessario aggiungere parametri personalizzati al codice di monitoraggio del tag UET per fare in modo che funzioni.

Aggiungere il codice JavaScript seguente in ogni pagina del sito Web:

 <script> 
   window.uetq = window.uetq || [];
   window.uetq.push ('event', '', {'ecomm_prodid': 'Replace_with_Product_ID', 'ecomm_pagetype': 'Replace_with_Page_Type'});
</script>

Importante
  • È necessario includere l'ID prodotto e il tipo di pagina in ogni pagina per cui si desidera aggiornare un elenco di remarketing dinamico. Se si omette uno di questi due valori, l'elenco di remarketing dinamico non verrà aggiornato per tale pagina. Ad esempio, se si passano gli ID prodotto in tutte le pagine dei prodotti ma non nella home page, l'elenco "Utenti che visualizzano il prodotto" verrà aggiornato con i visitatori delle pagine dei prodotti, ma il gruppo di destinatari "Visitatori generici" non registrerà le persone che visitano la home page. Per i visitatori delle pagine che per un motivo qualsiasi non passano gli ID prodotto, è possibile utilizzare gli elenchi di remarketing normali.
  • Nella parte 'event', '', del tag, del tag assicurarsi che le due virgolette singole dopo 'event', rimangano vuote.
  • È possibile monitorare più prodotti nello stesso tag UET includendo un elenco di ID di prodotti simile a questo:

     'ecomm_prodid': ['Replace_with_Product_ID_1','Replace_with_Product_ID_2','Replace_with_Product_ID_3']

Nel codice JavaScript precedente modificare i parametri seguenti:

  • Replace_with_Product_ID: Sostituire questo parametro con uno degli ID prodotto seguenti:
    • L'esatto ID SKU che identifica univocamente un prodotto. A volte viene denominato UPC (Universal Product Code).
    • Un ID gruppo di articoli che rappresenta un insieme di varianti per lo stesso prodotto (come il colore o le varie dimensioni).

    Importante

    L'ID prodotto nel codice JavaScript deve corrispondere a un ID del feed dei prodotti di Microsoft Merchant Center.

  • Replace_with_Page_Type: Sostituire questo parametro con uno dei seguenti valori della colonna nella parte destra di questa tabella, in base alla pagina in cui il codice JavaScript verrà utilizzato:
    Elenco di remarketing dinamico che si sta monitorando Tipo di pagina richiesto
    Visitatori generici 'ecomm_pagetype': 'home'
    'ecomm_pagetype': 'category'
    'ecomm_pagetype': 'other'
    Nota: gli utenti esclusi dal tipo di pagina per i risultati di ricerca, il prodotto, il carrello o l'acquisto saranno inclusi nel gruppo di destinatari dei visitatori generici.
    Utenti che cercano il prodotto 'ecomm_pagetype': 'searchresults'
    Utenti che visualizzano il prodotto 'ecomm_pagetype': 'product'
    Utenti che hanno abbandonato il carrello 'ecomm_pagetype': 'cart'
    Acquirenti precedenti 'ecomm_pagetype': 'purchase'

    Nota: Gli utenti che acquistano un prodotto vengono aggiunti all'elenco "Acquirenti precedenti" e vengono rimossi dagli altri elenchi (per tale prodotto specifico). Affinché questo funzioni, il tag UET nella pagina di conferma dell'acquisto deve inviare sia l'ID prodotto (ecomm_prodid) sia il tipo di pagina (ecomm_pagetype).

Per vedere un esempio di codice di monitoraggio del tag UET del remarketing dinamico nel corpo di una pagina Web, visitare questa pagina Web (disponibile solo in inglese), fare clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina Web e quindi scegliere Visualizza sorgente o Visualizza sorgente pagina in base al browser. In questa pagina è inoltre possibile definire un ID prodotto e un tipo di pagina e quindi fare clic su un pulsante per attivare un evento personalizzato per questo tipo di gruppo di destinatari prodotto. Se si utilizza uno strumento di monitoraggio di terze parti come Fiddler, è possibile vedere la richiesta HTTP generata per bat.bing.com per segnalare ogni evento personalizzato.

Note
  • Mentre le pagina Web viene caricata, attiva il tag UET creando diverse richieste HTTP. La richiesta più importante è quella per "bat.bing" (ovvero quella simile a "http://bat.bing.com/action/0?ti=..."). Questa richiesta trasmette a Microsoft Advertising informazioni sulle visite degli utenti alla pagina Web. È possibile utilizzare strumenti di terze parti come Fiddler per monitorare tutte le richieste che il browser crea quando la pagina Web viene caricata.
  • Per gli eventi personalizzati, viene attivata una richiesta HTTP aggiuntiva per segnalare lo stesso a Microsoft Advertising. La richiesta è simile a quella per bat.bing ma include parametri per segnalare l'evento personalizzato diversi da quelli per segnalare le visite della pagina.
  • È possibile verificare il corretto funzionamento dei codici di monitoraggio del tag UET del remarketing dinamico mediante UET Tag Helper.
Quando si implementano più funzionalitàexpando image

Come illustrato nelle sezioni precedenti, per determinate funzionalità di Microsoft Advertising è necessario aggiungere e modificare un frammento di codice JavaScript nel tag UET esistente:

  • Eventi personalizzati: Per gli obiettivi di conversione o gli elenchi di remarketing basati su eventi personalizzati, è necessario modificare il frammento di codice seguente in modo che restituisca azione evento, categoria evento, etichetta evento e/o valore evento:
     <script>  
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});
    </script>
  • Ricavi variabili: Per gli obiettivi di conversione che monitorano i ricavi variabili è necessario modificare il frammento di codice seguente in modo che restituisca valore ricavi e codice valuta:
     <script>  
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', '', {'revenue_value': 'Replace_with_Revenue_Value', 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'});
    </script>
  • Remarketing dinamico: Per definire come target un elenco di remarketing dinamico, è necessario modificare il frammento di codice seguente in modo che restituisca ID prodotto e tipo di pagina:
     <script>  
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', '', {'ecomm_prodid': 'Replace_with_Product_ID', 'ecomm_pagetype': 'Replace_with_Page_Type'});
    </script>

Se si implementano più funzionalità, è consigliabile tenere presenti un paio di aspetti:

  • È consigliabile tenere il frammento di codice JavaScript di ogni funzionalità separato nel codice della pagina Web (in altre parole, in sezioni <script> </script> distinte) perché ogni frammento di codice invia un evento.
  • Nello specifico, non è possibile utilizzare un frammento di codice JavaScript per monitorare entrambi gli elementi seguenti nella stessa pagina Web:
    • Ricavi variabili per l'obiettivo di conversione URL di destinazione
    • Eventi personalizzati in base a un obiettivo di conversione o un elenco di remarketing

    In questo caso devono essere presenti due frammenti di codice distinti nel codice della pagina Web:

    • Frammento di codice 1 per i ricavi variabili per l'obiettivo di conversione URL di destinazione:
       <script>  
         window.uetq = window.uetq || [];
         window.uetq.push ('event', '', {'revenue_value': 'Replace_with_Revenue_Value', 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'});
      </script>
    • Frammento di codice 2 per gli eventi personalizzati in base a un obiettivo di conversione o un elenco di remarketing. Si tenga tuttavia presente che se si monitorano i ricavi variabili per l'obiettivo di conversione di un evento personalizzato (non un obiettivo di conversione URL di destinazione), è necessario includere quanto segue nel frammento di codice dell'evento personalizzato:
       <script>  
         window.uetq = window.uetq || [];
         window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value', 'revenue_value': 'Replace_with_Revenue_Value', 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'});
      </script>

UET Tag Helper

Il modo più semplice per verificare che il tag UET funzioni correttamente in una determinata pagina Web è quello di utilizzare UET Tag Helper (un'estensione del browser):


Esaminare la colonna dello stato del monitoraggio UET in Microsoft Advertising

È inoltre possibile utilizzare Microsoft Advertising per convalidare:

  1. Nel riquadro di navigazione sinistro fare clic su Monitoraggio conversioni e quindi su Tag UET (oppure nel menu globale nella parte superiore della pagina fare clic su Strumenti e quindi su Tag UET).
  2. Nella tabella rivedere le colonne:
    Nome tag
    Che cos'è:
    Nome del tag UET.
    Perché è importante:
    Quando si crea un obiettivo di conversione o un elenco di remarketing, si seleziona il nome che si desidera utilizzare per il tag UET.
    Descrizione tag
    Che cos'è:
    Descrizione facoltativa per il tag UET.
    Perché è importante:
    Consente di identificare il tag UET. È consigliabile aggiungere il nome o l'URL della pagina del sito Web.
    ID tag
    Che cos'è:
    L'ID che Microsoft Advertising associa al tag UET.
    Perché è importante:
    Nella pagina degli obiettivi di conversione è presente l'ID del tag UET associato all'obiettivo ed è possibile visualizzare il codice di monitoraggio del tag UET.
    Stato monitoraggio
    Che cos'è:
    Stato del tag UET. Può essere Non verificato, Tag attivo o Tag non attivo.
    Perché è importante:
    Consente di verificare se il tag UET funziona o no.
    Non verificato: Microsoft Advertising non ha ricevuto alcun dato relativo all'attività degli utenti dal tag UET del sito Web. Possono essere necessarie fino a 24 ore per la verifica di Microsoft Advertising. Se lo stato rimane questo, significa che il codice di monitoraggio del tag UET non è stato aggiunto al sito Web oppure si è verificato un problema relativo alla configurazione che è necessario risolvere.
    Tag attivo: Il tag UET funziona e invia a Microsoft Advertising dati relativi all'attività degli utenti.
    Tag non attivo: Microsoft Advertising non ha ricevuto alcun dato relativo all'attività degli utenti dal tag UET nelle ultime 24 ore. Verificare che il codice di monitoraggio del tag UET sia ancora presente nel sito Web.
    • Come procedere se il tag UET non è attivo: Se nella colonna Stato monitoraggio è presente il valore Tag non attivo, significa che Microsoft Advertising non ha ricevuto alcun dato relativo all'attività degli utenti dal tag UET nelle ultime 24 ore. Verificare che il codice di monitoraggio del tag UET sia ancora presente nel sito Web e, se non lo è, aggiungerlo di nuovo. È inoltre possibile utilizzare UET Tag Helper per verificare il tag.
    Obiettivi
    Che cos'è:
    Si tratta del numero di obiettivi di conversione che utilizzano questo tag UET.
    Perché è importante:
    È un collegamento che consente di passare alla pagina degli obiettivi di conversione in cui sono visualizzati solo gli obiettivi associati a questo tag.
    Gruppi di destinatari
    Che cos'è:
    Si tratta del numero di gruppi di destinatari che utilizzano questo tag UET.
    Perché è importante:
    È un collegamento che consente di passare alla pagina dei gruppi di destinatari in cui sono visualizzati solo i gruppi di destinatari associati a questo tag.
    Azione
    Che cos'è:
    Collegamento che consente di aprire la casella del codice di monitoraggio del tag UET.
    Perché è importante:
    Permette di inviare tramite e-mail, copiare o scaricare il codice di monitoraggio del tag UET in qualsiasi momento.

Limitazioni della colonna Stato monitoraggio: La colonna Stato monitoraggio consente di convalidare la propria configurazione, ma non permette di verificare quanto segue:

  • Indipendentemente dal fatto che il tag UET sia stato installato o meno nel sito: Microsoft Advertising segnala lo stato del tag UET come Tag attivo finché almeno un evento UET viene registrato (da qualsiasi posizione del sito Web).
  • Indipendentemente dal fatto che eventi o ricavi variabili personalizzati vengano segnalati o meno: Come spiegato in precedenza, Microsoft Advertising non fa distinzione tra gli eventi caricamento pagina (registrati per impostazione predefinita) e gli eventi personalizzati segnalati nella colonna dello stato del monitoraggio.

È quindi consigliabile utilizzare UET Tag Helper per convalidare il tag nelle singole pagine Web.

1. Creare un tag UET expando image

Prima di poter monitorare le conversioni o definire gruppi di destinatari target mediante un elenco di remarketing, è necessario creare un tag UET in Microsoft Advertising e quindi aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET in ogni pagina del proprio sito Web.

  1. Nel riquadro di navigazione sinistro fare clic su Monitoraggio conversioni e quindi su Tag UET (oppure nel menu globale nella parte superiore della pagina fare clic su Strumenti e quindi su Tag UET).
  2. Fare clic su Crea tag UET e quindi immettere un nome.
  3. Facoltativo: immettere una descrizione che consenta di identificare il tag UET in futuro. Potrebbe essere correlata allo scopo per cui viene pubblicato il tag, al nome o all'URL del sito Web.
  4. Fare clic su Salva.
  5. Nella casella Codice di monitoraggio tag UET fare clic su Copia, Download o E-mail e quindi su Fine.
2. Aggiungere il tag al sito Web expando image
Importante

Per aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET, è necessario essere in grado Udi modificare il codice del proprio sito Web. Se non si sa come procedere per modificare il codice, rivolgersi al proprio webmaster.

Il passaggio successivo dopo la creazione di un tag UET è l'aggiunta del codice di monitoraggio del tag UET al proprio sito Web. È consigliabile che l'utente o il webmaster lo aggiunga in ogni pagina del sito Web nella sezione dell'intestazione o del corpo.

Quando si utilizzano i tag UET, sono disponibili alcune opzioni. È possibile aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET direttamente nel codice del sito Web mediante JavaScript oppure utilizzare uno strumento di gestione dei tag di terze parti. Se il sito Web viene creato su una piattaforma (come Shopify o WordPress), è inoltre possibile utilizzare tale sistema per aggiungere il tag UET.

Nota

È possibile aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET in qualsiasi punto della sezione dell'intestazione della pagina Web (prima del tag head di chiusura "</head>") o della sezione del corpo (prima del tag body di chiusura "</body>").

Aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET al sito Web direttamente expando image
Se il codice di monitoraggio viene copiato oppure si dispone di una versione del codice di monitoraggio scaricata o ricevuta tramite e-mail, è possibile incollarlo nel sito Web e andare direttamente al passaggio 4.
  1. Nel riquadro di navigazione sinistro fare clic su Monitoraggio conversioni e quindi su Tag UET (oppure nel menu globale nella parte superiore della pagina fare clic su Strumenti e quindi su Tag UET).
  2. Nella tabella individuare il tag UET che si desidera utilizzare e fare clic su Visualizza tag nella colonna Azione.
  3. Nella casella Codice di monitoraggio tag UET fare clic su Copia e quindi su Fine.
  4. Incollare il codice di monitoraggio del tag UET in ogni pagina del sito Web, nella sezione dell'intestazione o del corpo.. Nell'immagine il codice di monitoraggio del tag UET viene incollato nella parte superiore della sezione del corpo della pagina Web.
    Tag UET
Aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET mediante uno strumento di gestione dei tag expando image

Gli strumenti di gestione dei tag sostituiscono i tag statici con tag dinamici che risultano più semplici da implementare e aggiornare. Il tag dinamico è un contenitore, un piccolo frammento di codice che consente di inserire dinamicamente tag nel proprio sito Web. Il tag contenitore è in pratica un bucket che contiene altri tipi di tag.

UET funziona con tutti i principali sistemi di gestione dei tag. Di seguito è disponibile l'elenco dei sistemi di gestione dei tag attualmente verificati e supportati con collegamenti alle istruzioni per il loro utilizzo:

Aggiungere il codice di monitoraggio del tag UET mediante la piattaforma del sito Web expando image

UET è progettato per funzionare con tutte le principali piattaforme di siti Web.. Di seguito è disponibile l'elenco delle piattaforme di siti Web attualmente verificate e supportate che consentono di installare tag UET. L'elenco include anche collegamenti alle istruzioni per il loro utilizzo:

Note
  • Per vedere un esempio di codice di monitoraggio del tag UET JavaScript installato nel corpo di una pagina Web, visitare questa pagina Web (disponibile solo in inglese), fare clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina Web e quindi scegliere Visualizza sorgente o Visualizza sorgente pagina in base al browser.
  • Mentre le pagina Web viene caricata, attiva il tag UET creando diverse richieste HTTP. La richiesta più importante è quella per "bat.bing" (ovvero quella simile a "http://bat.bing.com/action/0?ti=..."). Questa richiesta trasmette a Microsoft Advertising informazioni sulle visite degli utenti alla pagina Web. È possibile utilizzare strumenti di terze parti come Fiddler per monitorare tutte le richieste che il browser crea quando la pagina Web viene caricata.

Utilizzo dei tag UET con siti Web di tipo applicazione a pagina singola (SPA)

Anche se sono abbastanza diffusi, i siti Web di tipo applicazione a pagina singola (SPA) sono difficili da monitorare. In un sito SPA il contenuto viene caricato dinamicamente senza che si verifichi un tipico evento di navigazione. In un certo senso, la pagina viene caricata una volta sola. Dal punto di vista dell'analisi e del monitoraggio degli obiettivi, è tuttavia necessario trattare ogni navigazione distinta come il caricamento di una nuova pagina.

Come procedere per abilitare i tag UET nei siti SPA expando image

Nei siti Web SPA è necessario utilizzare il codice di monitoraggio del tag UET JavaScript. Gli eventi SPA vengono attivati utilizzando la stessa sintassi degli eventi personalizzati, con l'azione 'page_view' e il parametro 'page_path' obbligatorio ('page_title' è facoltativo). Il parametro 'page_path' deve iniziare con '/'. Esempio:

window.uetq = window.uetq || []; 
window.uetq.push('event', 'page_view', { 'page_path': '/spa_page' });

Di seguito sono illustrati tre modi diversi di attivare gli eventi SPA. Si tenga presente che è consigliabile utilizzare il primo modo. Per ogni opzione, è disponibile una pagina Web di esempio che è possibile visitare per vedere come funziona il codice appropriato.

  • Modifica del contenuto: Un evento SPA viene attivato ogni volta che l'applicazione carica contenuto dinamico. In questo caso, l'URL effettivo viene automaticamente inviato in un evento pageLoad standard al primo caricamento. È possibile utilizzare questo URL negli obiettivi di destinazione. Ogni evento personalizzato attivato nella prima pagina verrà associato a tale URL. Ogni evento SPA genererà un evento pageLoad con l'URL SPA, che non deve necessariamente essere un percorso caricabile. È possibile fare riferimento a questi URL anche negli obiettivi. Qualsiasi evento personalizzato attivato dopo un evento SPA verrà associato solo all'evento pageLoad SPA, ovvero non all'URL originale.
  • Tutte le pagine: Un evento SPA viene attivato in tutte le pagine, incluso il caricamento iniziale. Questo scenario è analogo a quello precedente, ad eccezione del fatto che l'evento pageLoad automatico non viene utilizzato. Poiché l'attivazione viene comunque eseguita, è importante ordinare gli eventi in modo che l'evento SPA venga attivato prima di qualsiasi altro evento personalizzato. Se vengono attivati senza applicare tale ordine, è possibile che alcuni o tutti gli eventi vengano associati all'evento pageLoad automatico (e all'URL originale), anziché all'evento pageLoad SPA (e all'URL SPA che include page_path).
  • Tutte le pagine con disabilitazione automatica: Un evento SPA viene attivato in tutte le pagine e il caricamento automatico della pagina viene disabilitato. Questo comportamento viene ottenuto aggiungendo "disableAutoPageView: true" nei parametri di inizializzazione. Nota: non modificare il frammento di codice direttamente per la disabilitazione. Questo scenario è analogo al precedente ma non richiede che l'evento SPA venga attivato per primo al caricamento della pagina iniziale. È comunque necessario che gli eventi SPA successivi vengano attivati prima di qualsiasi evento personalizzato associato a tali eventi. In caso contrario, l'evento personalizzato verrebbe attribuito all'evento SPA precedente.
3. Modificare il tag per abilitare funzionalità aggiuntive expando image

Alcune funzionalità di monitoraggio e definizione del target richiedono la modifica del tag UET. Le istruzioni seguenti presuppongono che il tag UET sia già stato creato e aggiunto al sito Web.

Modifica del tag UET...

Per monitorare eventi personalizzati expando image

Dopo aver creato l'obiettivo di conversione di un evento personalizzato o l'elenco di remarketing che utilizza gli eventi personalizzati (vedere Come monitorare eventi personalizzati con UET), è necessario aggiungere il codice JavaScript dell'evento personalizzato al codice di monitoraggio del tag UET. Si supponga che l'evento personalizzato che si desidera monitorare nella pagina Web sia persone che fanno clic su un pulsante "Scarica ora" in una delle proprie pagine Web.

  1. Aggiungere il seguente codice JavaScript dell'evento personalizzato sotto il tag UET che è stato aggiunto al codice della pagina Web nel passaggio 1:
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>

     // Si supponga di aver incollato qui il tag UET nel passaggio 1.


    <script>Il tag UET è qui.</script>

     // Incollare qui il codice JavaScript seguente:

    <script>
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});
    </script>



       ...
    <button>Download now</button>

       ...
    </body>
  2. Specificare un nome di funzione per questo frammento di codice. È possibile utilizzare un nome di funzione qualsiasi che non sia già stato utilizzato nel sito Web. In questo esempio verrà utilizzato "GetCustomEvent()":
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>
    <script>Your UET tag is here.</script>

    <script>

       function GetCustomEvent() {

       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});

       }

    </script>

       ...
    <button>Download now</button>

       ...
    </body>
  3. A questo punto è necessario personalizzare il codice della pagina Web in modo che richiami questa funzione quando si verifica l'azione appropriata. In questo esempio l'evento personalizzato è un clic sul pulsante "Scarica ora" ed è quindi necessario aggiungere una chiamata nel codice del pulsante:
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>
    <script>Your UET tag is here.</script>

    </script>

    <script>
       function GetCustomEvent() {
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});
       }
    </script>

       ...
    <button OnClick="GetCustomEvent()">Download now</button>

       ...
    </body>
  4. Si noti che nel codice JavaScript dell'evento personalizzato sono presenti quattro parametri diversi: 'event', 'event_category', 'event_label', and 'event_value'. Questi parametri corrispondono a quelli definiti per l'obiettivo di conversione dell'evento personalizzato nel passaggio 2. Nel codice JavaScript aggiunto, ai parametri sono stati assegnati valori segnaposto:
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>
    <script>Your UET tag is here.</script>

    </script>

    <script>
       function GetCustomEvent() {
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});
       }
    </script>

       ...
    <button OnClick="GetCustomEvent()>Download now</button>

       ...
    </body>
  5. Il codice JavaScript aggiunto deve restituire a Microsoft Advertising un valore quando si verifica l'evento personalizzato e tale valore deve corrispondere a quello immesso nel passaggio 2. In questo esempio vengono monitorati i clic sul pulsante che sono eventi Azione come indicato nel passaggio 2 (e sono rappresentati da 'event' nel codice JavaScript). È quindi necessario modificare il valore del segnaposto del parametro 'event' (ed è possibile rimuovere gli altri tre parametri):
     <head>Your page title 
    </head>

    <body>
    <script>Your UET tag is here.</script>

    <script>
       function GetCustomEvent() {
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'downloadbuttonclick', {});
       }
    </script>

       ...
    <button OnClick="GetCustomEvent()>Download now</button>

       ...
    </body>
  6. Salvare e distribuire il codice del sito Web modificato.

Per vedere un esempio di codice di monitoraggio del tag UET di un evento personalizzato installato nel corpo di una pagina Web, visitare questa pagina Web (disponibile solo in inglese), fare clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina Web e quindi scegliere Visualizza sorgente o Visualizza sorgente pagina in base al browser. Nella pagina sono inoltre presenti alcuni pulsanti. Ogni pulsante attiva un evento personalizzato. Se si utilizza uno strumento di monitoraggio di terze parti come Fiddler, è possibile vedere la richiesta HTTP generata per bat.bing.com per segnalare ogni evento personalizzato.

Note
  • Mentre le pagina Web viene caricata, attiva il tag UET creando diverse richieste HTTP. La richiesta più importante è quella per "bat.bing" (ovvero quella simile a "http://bat.bing.com/action/0?ti=..."). Questa richiesta trasmette a Microsoft Advertising informazioni sulle visite degli utenti alla pagina Web. È possibile utilizzare strumenti di terze parti come Fiddler per monitorare tutte le richieste che il browser crea quando la pagina Web viene caricata.
  • Per gli eventi personalizzati, viene attivata una richiesta HTTP aggiuntiva per segnalare lo stesso a Microsoft Advertising. La richiesta è simile a quella per bat.bing ma include parametri per segnalare l'evento personalizzato diversi da quelli per segnalare le visite della pagina.
Per monitorare i ricavi variabili expando image

Dopo aver creato un obiettivo di conversione dei ricavi variabili (vedere Come segnalare ricavi variabili con UET), è necessario modificare il codice di monitoraggio UET per supportarlo.

Di seguito è disponibile un esempio che illustra come passare i ricavi variabili per un obiettivo di tipo URL di destinazione nelle pagine PHP. In questo esempio, un valore dinamico per i ricavi variabili viene letto da una funzione JavaScript. È possibile inviare semplicemente un valore statico oppure leggere da una variabile JavaScript o un elemento HTML.

Per aggiungere il codice alle pagine PHP mediante l'editor della pagina Web, vedere il seguente codice di monitoraggio del tag UET di esempio:

 <script>
(function(w,d,t,r,u){var f,n,i;w[u]=w[u]||[] ,f=function(){var o={ti:"TAG_ID_HERE"}; o.q=w[u],w[u]=new UET(o),w[u].push("pageLoad")} ,n=d.createElement(t),n.src=r,n.async=1,n.onload=n .onreadystatechange=function() {var s=this.readyState;s &&s!=="loaded"&& s!=="complete"||(f(),n.onload=n. onreadystatechange=null)},i= d.getElementsByTagName(t)[0],i. parentNode.insertBefore(n,i)})(window,document,"script"," //bat.bing.com/bat.js","uetq");
</script>

<script> function GetRevenueValue() { return 6; }
</script>
<script>
window.uetq = window.uetq || []; window.uetq.push('event', '', {'revenue_value': GetRevenueValue(), 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'});
</script>
  1. Aprire il file della pagina di conferma della conversione. Se più pagine vengono generate dallo stesso file, individuare la sezione del file che genera la pagina di conversione.
  2. Aggiungere o verificare che il sito disponga di una funzione JavaScript che definisce i ricavi variabili. Nel codice precedente, è:
     <script> function GetRevenueValue() { return 6; } </script> 

    È necessario sostituire questa sezione con la propria funzione JavaScript.

  3. Aggiungere il codice uetq.push alla fine del codice di monitoraggio del tag UET per associare il valore dei ricavi a un obiettivo di conversione. Aggiornare il valore dell'importo per il parametro 'revenue_value' con il valore definito nel passaggio 2. Nel codice precedente, è:
     <script> window.uetq = window.uetq || []; window.uetq.push('event', '', {'revenue_value': GetRevenueValue(), 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'}); </script> 

    Note
    • Il comando 'event' è sempre necessario, anche se non si sta segnalando alcuna azione Evento. Quando si segnala un ricavo variabile per un obiettivo URL di destinazione, è necessario lasciare l'azione Evento vuota (ad esempio, 'event', ") e nell'evento possono essere presenti solo i parametri revenue_value e currency.
    • Per visualizzare l'elenco completo di codici di valuta, vedere Valute ricavi obiettivo conversione. È possibile rimuovere il parametro 'currency' se nell'obiettivo di conversione non è impostata alcuna valuta.
  4. Assicurarsi che il codice di monitoraggio del tag UET modificato venga aggiunto nel corpo della pagina di conferma della conversione, che è la pagina che il cliente vede dopo che ha completato l'azione che si desidera monitorare (ad esempio la pagina di conferma dell'acquisto).

    Suggerimento: Cercare il tag "</body>" e inserire il codice di monitoraggio del tag UET immediatamente sopra tale tag.

  5. Salvare e caricare la pagina nel server Web.
Opzioni avanzate: Esempi di codice per gli obiettivi di conversione eventoexpando image

Ora che si conosce il codice da aggiungere alla fine del codice di monitoraggio del tag UET per gli obiettivi di conversione URL di destinazione, ecco alcuni altri codici da provare:

Obiettivo di conversione evento

Per segnalare i ricavi variabili per un obiettivo di conversione evento, è necessario aggiungere un codice diverso. Se si utilizza la stessa funzione JavaScript del passaggio 2, avrà l'aspetto seguente:

<script> window.uetq = window.uetq || []; window.uetq.push('event', 'Event action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value', 'revenue_value': GetRevenueValue(), 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'}); </script> 

Nota: Per visualizzare l'elenco completo di codici di valuta, vedere Valute ricavi obiettivo conversione.

Note
  • Per vedere un esempio di codice di monitoraggio del tag UET dei ricavi variabili installato nel corpo di una pagina Web, visitare questa pagina Web (disponibile solo in inglese), fare clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina Web e quindi scegliere Visualizza sorgente o Visualizza sorgente pagina in base al browser.
  • Mentre le pagina Web viene caricata, attiva il tag UET creando diverse richieste HTTP. La richiesta più importante è quella per "bat.bing" (ovvero quella simile a "http://bat.bing.com/action/0?ti=..."). Questa richiesta trasmette a Microsoft Advertising informazioni sulle visite degli utenti alla pagina Web. È possibile utilizzare strumenti di terze parti come Fiddler per monitorare tutte le richieste che il browser crea quando la pagina Web viene caricata.
  • Per i ricavi variabili, viene attivata una richiesta HTTP aggiuntiva per segnalare questo valore a Microsoft Advertising. La richiesta è simile a quella per bat.bing ma include parametri per segnalare i ricavi diversi da quelli per segnalare le visite della pagina.
  • È possibile convalidare il tag dei ricavi variabili mediante UET Tag Helper.
Per utilizzare il remarketing dinamico expando image

Dopo aver creato un elenco di remarketing dinamico (vedereElenchi di remarketing dinamici: Remarketing per i prodotti), è necessario aggiungere parametri personalizzati al codice di monitoraggio del tag UET per fare in modo che funzioni.

Aggiungere il codice JavaScript seguente in ogni pagina del sito Web:

 <script> 
   window.uetq = window.uetq || [];
   window.uetq.push ('event', '', {'ecomm_prodid': 'Replace_with_Product_ID', 'ecomm_pagetype': 'Replace_with_Page_Type'});
</script>

Nel codice JavaScript precedente modificare i parametri seguenti:

  • Replace_with_Product_ID: Sostituire questo parametro con uno degli ID prodotto seguenti:
    • L'esatto ID SKU che identifica univocamente un prodotto. A volte viene denominato UPC (Universal Product Code).
    • Un ID gruppo di articoli che rappresenta un insieme di varianti per lo stesso prodotto (come il colore o le varie dimensioni).

    Importante

    L'ID prodotto nel codice JavaScript deve corrispondere a un ID del feed dei prodotti di Microsoft Merchant Center.

  • Replace_with_Page_Type: Sostituire questo parametro con uno dei seguenti valori della colonna nella parte destra di questa tabella, in base alla pagina in cui il codice JavaScript verrà utilizzato:
    Elenco di remarketing dinamico che si sta monitorando Tipo di pagina richiesto
    Visitatori generici 'ecomm_pagetype': 'home'
    'ecomm_pagetype': 'category'
    'ecomm_pagetype': 'other'
    Nota: gli utenti esclusi dal tipo di pagina per i risultati di ricerca, il prodotto, il carrello o l'acquisto saranno inclusi nel gruppo di destinatari dei visitatori generici.
    Utenti che cercano il prodotto 'ecomm_pagetype': 'searchresults'
    Utenti che visualizzano il prodotto 'ecomm_pagetype': 'product'
    Utenti che hanno abbandonato il carrello 'ecomm_pagetype': 'cart'
    Acquirenti precedenti 'ecomm_pagetype': 'purchase'

    Nota: Gli utenti che acquistano un prodotto vengono aggiunti all'elenco "Acquirenti precedenti" e vengono rimossi dagli altri elenchi (per tale prodotto specifico). Affinché questo funzioni, il tag UET nella pagina di conferma dell'acquisto deve inviare sia l'ID prodotto (ecomm_prodid) sia il tipo di pagina (ecomm_pagetype).

Per vedere un esempio di codice di monitoraggio del tag UET del remarketing dinamico nel corpo di una pagina Web, visitare questa pagina Web (disponibile solo in inglese), fare clic con il pulsante destro del mouse sulla pagina Web e quindi scegliere Visualizza sorgente o Visualizza sorgente pagina in base al browser. In questa pagina è inoltre possibile definire un ID prodotto e un tipo di pagina e quindi fare clic su un pulsante per attivare un evento personalizzato per questo tipo di gruppo di destinatari prodotto. Se si utilizza uno strumento di monitoraggio di terze parti come Fiddler, è possibile vedere la richiesta HTTP generata per bat.bing.com per segnalare ogni evento personalizzato.

Note
  • Mentre le pagina Web viene caricata, attiva il tag UET creando diverse richieste HTTP. La richiesta più importante è quella per "bat.bing" (ovvero quella simile a "http://bat.bing.com/action/0?ti=..."). Questa richiesta trasmette a Microsoft Advertising informazioni sulle visite degli utenti alla pagina Web. È possibile utilizzare strumenti di terze parti come Fiddler per monitorare tutte le richieste che il browser crea quando la pagina Web viene caricata.
  • Per gli eventi personalizzati, viene attivata una richiesta HTTP aggiuntiva per segnalare lo stesso a Microsoft Advertising. La richiesta è simile a quella per bat.bing ma include parametri per segnalare l'evento personalizzato diversi da quelli per segnalare le visite della pagina.
  • È possibile verificare il corretto funzionamento dei codici di monitoraggio del tag UET del remarketing dinamico mediante UET Tag Helper.
Quando si implementano più funzionalitàexpando image

Come illustrato nelle sezioni precedenti, per determinate funzionalità di Microsoft Advertising è necessario aggiungere e modificare un frammento di codice JavaScript nel tag UET esistente:

  • Eventi personalizzati: Per gli obiettivi di conversione o gli elenchi di remarketing basati su eventi personalizzati, è necessario modificare il frammento di codice seguente in modo che restituisca azione evento, categoria evento, etichetta evento e/o valore evento:
     <script>  
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value'});
    </script>
  • Ricavi variabili: Per gli obiettivi di conversione che monitorano i ricavi variabili è necessario modificare il frammento di codice seguente in modo che restituisca valore ricavi e codice valuta:
     <script>  
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', '', {'revenue_value': 'Replace_with_Revenue_Value', 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'});
    </script>
  • Remarketing dinamico: Per definire come target un elenco di remarketing dinamico, è necessario modificare il frammento di codice seguente in modo che restituisca ID prodotto e tipo di pagina:
     <script>  
       window.uetq = window.uetq || [];
       window.uetq.push ('event', '', {'ecomm_prodid': 'Replace_with_Product_ID', 'ecomm_pagetype': 'Replace_with_Page_Type'});
    </script>

Se si implementano più funzionalità, è consigliabile tenere presenti un paio di aspetti:

  • È consigliabile tenere il frammento di codice JavaScript di ogni funzionalità separato nel codice della pagina Web (in altre parole, in sezioni <script> </script> distinte) perché ogni frammento di codice invia un evento.
  • Nello specifico, non è possibile utilizzare un frammento di codice JavaScript per monitorare entrambi gli elementi seguenti nella stessa pagina Web:
    • Ricavi variabili per l'obiettivo di conversione URL di destinazione
    • Eventi personalizzati in base a un obiettivo di conversione o un elenco di remarketing

    In questo caso devono essere presenti due frammenti di codice distinti nel codice della pagina Web:

    • Frammento di codice 1 per i ricavi variabili per l'obiettivo di conversione URL di destinazione:
       <script>  
         window.uetq = window.uetq || [];
         window.uetq.push ('event', '', {'revenue_value': 'Replace_with_Revenue_Value', 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'});
      </script>
    • Frammento di codice 2 per gli eventi personalizzati in base a un obiettivo di conversione o un elenco di remarketing. Si tenga tuttavia presente che se si monitorano i ricavi variabili per l'obiettivo di conversione di un evento personalizzato (non un obiettivo di conversione URL di destinazione), è necessario includere quanto segue nel frammento di codice dell'evento personalizzato:
       <script>  
         window.uetq = window.uetq || [];
         window.uetq.push ('event', 'Replace_with_Event_Action', {'event_category': 'Replace_with_Event_Category', 'event_label': 'Replace_with_Event_Label', 'event_value': 'Replace_with_Event_Value', 'revenue_value': 'Replace_with_Revenue_Value', 'currency': 'Replace_with_Currency_Code'});
      </script>
4. Verificare che il tag funzioni e risolvere gli eventuali problemi expando image

UET Tag Helper

Il modo più semplice per verificare che il tag UET funzioni correttamente in una determinata pagina Web è quello di utilizzare UET Tag Helper (un'estensione del browser):


Esaminare la colonna dello stato del monitoraggio UET in Microsoft Advertising

È inoltre possibile utilizzare Microsoft Advertising per convalidare:

  1. Nel riquadro di navigazione sinistro fare clic su Monitoraggio conversioni e quindi su Tag UET (oppure nel menu globale nella parte superiore della pagina fare clic su Strumenti e quindi su Tag UET).
  2. Nella tabella rivedere le colonne:
    Nome tag
    Che cos'è:
    Nome del tag UET.
    Perché è importante:
    Quando si crea un obiettivo di conversione o un elenco di remarketing, si seleziona il nome che si desidera utilizzare per il tag UET.
    Descrizione tag
    Che cos'è:
    Descrizione facoltativa per il tag UET.
    Perché è importante:
    Consente di identificare il tag UET. È consigliabile aggiungere il nome o l'URL della pagina del sito Web.
    ID tag
    Che cos'è:
    L'ID che Microsoft Advertising associa al tag UET.
    Perché è importante:
    Nella pagina degli obiettivi di conversione è presente l'ID del tag UET associato all'obiettivo ed è possibile visualizzare il codice di monitoraggio del tag UET.
    Stato monitoraggio
    Che cos'è:
    Stato del tag UET. Può essere Non verificato, Tag attivo o Tag non attivo.
    Perché è importante:
    Consente di verificare se il tag UET funziona o no.
    Non verificato: Microsoft Advertising non ha ricevuto alcun dato relativo all'attività degli utenti dal tag UET del sito Web. Possono essere necessarie fino a 24 ore per la verifica di Microsoft Advertising. Se lo stato rimane questo, significa che il codice di monitoraggio del tag UET non è stato aggiunto al sito Web oppure si è verificato un problema relativo alla configurazione che è necessario risolvere.
    Tag attivo: Il tag UET funziona e invia a Microsoft Advertising dati relativi all'attività degli utenti.
    Tag non attivo: Microsoft Advertising non ha ricevuto alcun dato relativo all'attività degli utenti dal tag UET nelle ultime 24 ore. Verificare che il codice di monitoraggio del tag UET sia ancora presente nel sito Web.
    • Come procedere se il tag UET non è attivo: Se nella colonna Stato monitoraggio è presente il valore Tag non attivo, significa che Microsoft Advertising non ha ricevuto alcun dato relativo all'attività degli utenti dal tag UET nelle ultime 24 ore. Verificare che il codice di monitoraggio del tag UET sia ancora presente nel sito Web e, se non lo è, aggiungerlo di nuovo. È inoltre possibile utilizzare UET Tag Helper per verificare il tag.
    Obiettivi
    Che cos'è:
    Si tratta del numero di obiettivi di conversione che utilizzano questo tag UET.
    Perché è importante:
    È un collegamento che consente di passare alla pagina degli obiettivi di conversione in cui sono visualizzati solo gli obiettivi associati a questo tag.
    Gruppi di destinatari
    Che cos'è:
    Si tratta del numero di gruppi di destinatari che utilizzano questo tag UET.
    Perché è importante:
    È un collegamento che consente di passare alla pagina dei gruppi di destinatari in cui sono visualizzati solo i gruppi di destinatari associati a questo tag.
    Azione
    Che cos'è:
    Collegamento che consente di aprire la casella del codice di monitoraggio del tag UET.
    Perché è importante:
    Permette di inviare tramite e-mail, copiare o scaricare il codice di monitoraggio del tag UET in qualsiasi momento.

Limitazioni della colonna Stato monitoraggio: La colonna Stato monitoraggio consente di convalidare la propria configurazione, ma non permette di verificare quanto segue:

  • Indipendentemente dal fatto che il tag UET sia stato installato o meno nel sito: Microsoft Advertising segnala lo stato del tag UET come Tag attivo finché almeno un evento UET viene registrato (da qualsiasi posizione del sito Web).
  • Indipendentemente dal fatto che eventi o ricavi variabili personalizzati vengano segnalati o meno: Come spiegato in precedenza, Microsoft Advertising non fa distinzione tra gli eventi caricamento pagina (registrati per impostazione predefinita) e gli eventi personalizzati segnalati nella colonna dello stato del monitoraggio.

È quindi consigliabile utilizzare UET Tag Helper per convalidare il tag nelle singole pagine Web.

See more videos...