Consentire a Microsoft Advertising di gestire le offerte con le strategie di offerta

Informazioni su come Microsoft Advertising è in grado di gestire le offerte mediante strategie di offerta come CPC avanzato, Massimizza clic, Massimizza conversioni e CPA target.

Utilizzando le strategia di offerta è possibile consentire a Microsoft Advertising di gestire le offerte mediante l'analisi dettagliata dei modelli nelle ricerche, nei clic e nelle conversioni. Le offerte vengono create automaticamente in modo da risultare efficaci. Qualsiasi strategia di offerta si decida di utilizzare, Microsoft Advertising rispetterà comunque il limite del budget.

Come si desidera che Microsoft Advertising gestisca le offerte?

Microsoft Advertising può gestire i tipi di offerte seguenti:

CPC avanzato
Importante

Il CPC avanzato è disponibile:

  • Per le campagne di annunci di ricerca in tutto il mondo.
  • Per le campagne di Microsoft Shopping ovunque le campagne di Microsoft Shopping siano disponibili.

CPC (cost per click) avanzato è l'impostazione della strategia di offerta predefinita quando si crea una nuova campagna. Il CPC (cost per click) avanzato consente di impostare le offerte per i gruppi di annunci e le parole chiave. Microsoft Advertising rettifica automaticamente le offerte in tempo reale per aumentare le probabilità di conversione. Per l'offerta verrà impostato un valore più alto per le ricerche degli utenti che hanno più probabilità di conversione e un valore più basso per le ricerche che hanno meno probabilità di conversione. Indipendentemente dal fatto che sia verso l'alto o verso il basso, questa modifica verrà apportata dopo l'applicazione di eventuali rettifiche di offerta impostate dall'inserzionista. In futuro Bing Ads tenterà di fare in modo che il CPC medio non sia superiore all'offerta.

Se la propria campagna non è ancora stata ottimizzata, il CPC avanzato deve ridurre il costo per conversione e aumentare il numero totale di conversioni rispettando il budget corrente.

Note
  • Per ottenere risultati ottimali, è consigliabile utilizzare l'opzione CPC avanzato insieme al monitoraggio delle conversioni (un tag UET e un obiettivo di conversione).
  • Il CPC avanzato non interromperà gli strumenti di gestione dell'offerta di terze parti. Il CPC avanzato utilizzerà sempre le offerte impostate dallo strumento di gestione delle offerte come punto di partenza prima di applicare qualsiasi rettifica.

CPC manuale

Con la strategia di offerta CPC manuale Microsoft Advertising utilizza queste offerte ogni volta.


CPM manuale
Importante

Il CPM manuale è eventualmente disponibile per Microsoft Audience Ads.

Con le offerte CPM (costo per mille impressioni) manuale, si imposta il costo effettivo che si desidera pagare per 1.000 impressioni visualizzate. Un'impressione visualizzata viene conteggiata quando nella visualizzazione dell'utente è presente più del 50% dei pixel dell'annuncio e l'annuncio viene visualizzato per almeno un secondo.


CPV manuale

La strategia di offerta CPV manuale consente di impostare l'importo massimo che si desidera pagare per ciascuna visualizzazione o clic su un annuncio video.


Massimizza clic
Importante

Massimizza clic è disponibile solo per le campagne di annunci di ricerca e le campagne di Microsoft Shopping.

Con Massimizza clic, Microsoft Advertising imposta automaticamente le offerte in tempo reale per ottenere il numero massimo di clic possibile in base al budget.

Microsoft Advertising rispetta sempre il limite del budget complessivo, ma se si desidera un maggiore controllo sulle offerte quando si utilizza Massimizza clic, è inoltre possibile impostare un CPC (cost per click) massimo. Si tratta di un limite facoltativo che è possibile impostare per fare in modo che Microsoft Advertising non paghi mai più di un determinato importo per ogni singolo clic.

Non è possibile modificare le offerte per le parole chiave che utilizzano l'opzione Massimizza clic. Ciò significa che le regole automatiche e gli strumenti di gestione delle offerte di terze parti non influiranno in alcun modo su tali parole chiave. Con Massimizza clic, Microsoft Advertising avrà il controllo completo e definitivo sull'ottimizzazione delle offerte. Qualsiasi rettifica di offerta impostata (o che verrà impostata in futuro) può essere utilizzata per informare le offerte automatiche di Massimizza clic. Si tenga presente che le rettifiche delle offerte potrebbero risultare in un'offerta superiore al CPC massimo, qualora ne sia stato impostato uno.

Suggerimenti per utilizzare Massimizza clic con le campagne Microsoft Shopping Campaigns
  • Le campagne acquisti che utilizzano Massimizza clic devono avere la priorità più alta.
  • Evitare di creare offerte di prodotti sovrapposte in più campagne acquisti che utilizzano Massimizza clic.

Massimizza conversioni

Con Massimizza conversioni, Microsoft Advertising imposta automaticamente le offerte in tempo reale per ottenere il numero massimo di conversioni possibile in base al budget.

Microsoft Advertising rispetta sempre il limite del budget complessivo, ma se si desidera un maggiore controllo sulle offerte quando si utilizza Massimizza conversioni, è inoltre possibile impostare un CPC (cost per click) massimo. Si tratta di un limite facoltativo che è possibile impostare per fare in modo che Microsoft Advertising non paghi mai più di un determinato importo per ogni singolo clic.

Per utilizzare la strategia di offerta Massimizza conversioni, è necessario aver configurato il monitoraggio delle conversioni (un tag UET e un obiettivo di conversione attivo oppure conversioni offline). È consigliabile attendere che la strategia di offerta consenta di accumulare almeno 30 conversioni prima di valutare il rendimento.

Non è possibile modificare le offerte per le parole chiave che utilizzano l'opzione Massimizza conversioni. Ciò significa che le regole automatiche e gli strumenti di gestione delle offerte di terze parti non influiranno in alcun modo su tali parole chiave. Con Massimizza conversioni, Microsoft Advertising avrà il controllo completo e definitivo sull'ottimizzazione delle offerte. Qualsiasi rettifica di offerta impostata (o che verrà impostata in futuro) può essere utilizzata per informare le offerte automatiche di Massimizza conversioni. Si tenga presente che le rettifiche delle offerte potrebbero risultare in un'offerta superiore al CPC massimo, qualora ne sia stato impostato uno.

Nota

Questo tipo di strategia di offerta non può essere utilizzato dalle campagne che usano budget condivisi, ad eccezione di quelle con una strategia di offerta portfolio.

Vedere Procedure consigliate per Massimizza conversioni di seguito


CPA target

Con CPA (costo per acquisizione) target è sufficiente impostare il budget desiderato e il CPA medio per 30 giorni e Microsoft Advertising imposterà automaticamente le offerte in tempo reale per raggiungere questa media. Alcune conversioni possono costare più del target e alcune possono costare meno, ma Microsoft Advertising tenterà di fare in modo che il costo medio per conversione sia in linea con il target.

Microsoft Advertising rispetta sempre il limite del budget complessivo, ma se si desidera un maggiore controllo sulle offerte quando si utilizza CPA target, è inoltre possibile impostare un CPC (cost per click) massimo. Si tratta di un limite facoltativo che è possibile impostare per fare in modo che Microsoft Advertising non paghi mai più di un determinato importo per ogni singolo clic.

Per utilizzare la strategia di offerta CPA target, è necessario aver configurato il monitoraggio delle conversioni (un tag UET e un obiettivo di conversione attivo oppure conversioni offline). È consigliabile attendere che la strategia di offerta consenta di accumulare almeno 30 conversioni prima di valutare il rendimento.

Non è possibile modificare le offerte per le parole chiave che utilizzano l'opzione CPA target. Ciò significa che le regole automatiche e gli strumenti di gestione delle offerte di terze parti non influiranno in alcun modo su tali parole chiave. Con CPA target, Microsoft Advertising avrà il controllo completo e definitivo sull'ottimizzazione delle offerte. Qualsiasi rettifica di offerta impostata (o che verrà impostata in futuro) può essere utilizzata per informare le offerte automatiche di CPA target (tentando comunque di raggiungere il CPA target). Si tenga presente che le rettifiche delle offerte potrebbero risultare in un'offerta superiore al CPC massimo, se ne è stato impostato uno.

Note
  • CPA target è un target a livello di campagna. Singoli gruppi di annunci possono avere CPA diversi che possono variare nel tempo mentre viene soddisfatto il CPA target della campagna. In dispositivi diversi vengono inoltre visualizzati CPA diversi.
  • Questo tipo di strategia di offerta non può essere utilizzato dalle campagne che usano budget condivisi, ad eccezione di quelle con una strategia di offerta portfolio.

Vedere Procedure consigliate per CPA target di seguito.


Quota impressioni target

Impostare il budget, dove si desidera che gli annunci vengano visualizzati e la quota impressioni target. Microsoft Advertising imposta quindi le offerte automaticamente.

Microsoft Advertising rispetta sempre il limite del budget complessivo, ma se si desidera un maggiore controllo sulle offerte quando si utilizza Quota impressioni target, è inoltre possibile impostare un CPC (cost per click) massimo. Si tratta di un limite facoltativo che è possibile impostare per fare in modo che Microsoft Advertising non paghi mai più di un determinato importo per ogni singolo clic.


ROAS target

Con ROAS (utile sulla spesa per annunci) target è sufficiente impostare il budget desiderato e il ROAS medio per 30 giorni e Microsoft Advertising imposterà automaticamente le offerte in tempo reale per raggiungere questa media.

Microsoft Advertising rispetta sempre il limite del budget complessivo, ma se si desidera un maggiore controllo sulle offerte quando si utilizza ROAS target, è inoltre possibile impostare un CPC (cost per click) massimo. Si tratta di un limite facoltativo che è possibile impostare per fare in modo che Microsoft Advertising non paghi mai più di un determinato importo per ogni singolo clic.

Per utilizzare la strategia di offerta ROAS target, è necessario aver configurato il monitoraggio delle conversioni (un tag UET e un obiettivo di conversione attivo oppure conversioni offline) e avere ricavi positivi monitorati. È consigliabile attendere che la strategia di offerta consenta di accumulare almeno 50 conversioni prima di valutare il rendimento.

Non è possibile modificare le offerte per le parole chiave che utilizzano l'opzione ROAS target. Ciò significa che le regole automatiche e gli strumenti di gestione delle offerte di terze parti non influiranno in alcun modo su tali parole chiave. Con ROAS target, Microsoft Advertising avrà il controllo completo e definitivo sull'ottimizzazione delle offerte. Qualsiasi rettifica di offerta impostata (o che verrà impostata in futuro) può essere utilizzata per informare le offerte automatiche di ROAS target (tentando comunque di raggiungere il ROAS target). Si tenga presente che le rettifiche delle offerte potrebbero risultare in un'offerta superiore al CPC massimo, se ne è stato impostato uno.

Note
  • ROAS target è un target a livello di campagna. Singoli gruppi di annunci possono avere valori di ROAS target diversi che possono variare nel tempo mentre viene soddisfatto il ROAS target della campagna. In dispositivi diversi possono inoltre essere visualizzati valori di ROAS diversi.
  • Questo tipo di strategia di offerta non può essere utilizzato dalle campagne che usano budget condivisi, ad eccezione di quelle con una strategia di offerta portfolio.

Confronto tra le strategie di offerta

Strategia offerta Le offerte vengono impostate autonomamente? È possibile utilizzare uno strumento di terze parti per la gestione delle offerte? È necessario monitorare le conversioni? Tipo di campagna supportato
CPC avanzato Yes Yes No Ricerca, acquisti
CPC manuale Yes Yes No Gruppi di destinatari
CPM manuale Yes Yes No Gruppi di destinatari
CPV manuale Yes Yes No Gruppi di destinatari
Massimizza clic No No No Ricerca, acquisti
Massimizza conversioni No No Yes Search
CPA target No No Yes Search
Quota impressioni target No No No Search
ROAS target No No Yes Ricerca, acquisti

Condividere una strategia di offerta portfolio con altre campagne

La strategia di offerta portfolio consente di gestire le offerte in più campagne che hanno lo stesso obiettivo. Una campagna può avere la propria strategia di offerta oppure condividere una strategia di offerta portfolio con altre campagne.

In una strategia di offerta portfolio le offerte vengono modificate automaticamente per mantenere un equilibrio tra le campagne con scarso rendimento e quelle con rendimento elevato che condividono la stessa strategia per massimizzare le conversioni, i clic, la quota impressioni target o altri obiettivi di rendimento. Le strategie di offerte portfolio possono essere utili per gli inserzionisti che desiderano assicurarsi che il loro budget venga speso in modo efficiente.

Ulteriori informazioniStrategie di offerta portfolio: Offerte automatiche per gli obiettivi di rendimento

Impostare la strategia di offerta di una campagna

È possibile impostare la strategia di offerta a livello di campagna. Per modificare la strategia di offerta di una campagna:

  1. Nel menu comprimibile a sinistra selezionare Tutte le campagne > Panoramica.
  2. Nella tabella fare clic sul nome della campagna che si desidera modificare.
  3. Nel menu a sinistra selezionare Impostazioni.
  4. In Strategia offerta selezionare la strategia che si desidera utilizzare.
  5. Selezionare Salva.
Nota

Le offerte inizieranno a cambiare automaticamente entro due ore dall'attivazione della strategia di offerta. Una strategia di offerta deve essere comunque eseguita per circa due settimane per accumulare dati sufficienti per ottimizzare l'offerta. Se si modifica l'impostazione della strategia di offerta, il budget della campagna o le impostazioni delle conversioni oppure se si aggiungono o si rimuovono gruppi di annunci e parole chiave, il periodo di apprendimento viene riavviato.

Procedure consigliate per Massimizza conversioni e CPA target

  • Requisiti: Per attivare Massimizza conversioni o CPA target nella campagna:
    • È necessario aver configurato il monitoraggio delle conversioni (un tag UET e un obiettivo di conversione attivo oppure conversioni offline). È consigliabile attendere che la strategia di offerta consenta di accumulare almeno 30 conversioni prima di valutare il rendimento.
    • Non è possibile utilizzare un budget condiviso, eccetto in una strategia di offerta portfolio.
  • Come fare in modo che Massimizza conversioni e CPA target funzionino in modo ottimale: Massimizza conversioni e CPA target necessitano di un po' di tempo per funzionare. Per ottenere risultati ottimali, seguire queste indicazioni:
    1. Configurazione: 30 giorni - È consigliabile avere a disposizione almeno 30 conversioni nei 30 giorni precedenti. Quando si configura il CPA target, è consigliabile basare il target sul CPA effettivo dei 30 giorni precedenti. Per le nuove campagne, è consigliabile basare il target sul rendimento dell'account.
    2. Periodo di formazione: 1-2 settimane — La piattaforma Bing Ads impiega in genere due settimane per acquisire le informazioni necessarie sulla campagna. Durante questo periodo, evitare di modificare i budget o gli obiettivi di conversione perché è possibile che il periodo di formazione debba ricominciare. È consigliabile non valutare il rendimento della strategia di offerta in base a queste due settimane.
    3. Esecuzione della campagna: 2-4 settimane - Lasciare che la campagna venga eseguita da due a quattro settimane dopo il periodo di formazione (evitando di modificare i budget o gli obiettivi di conversione perché è possibile che il periodo di formazione debba ricominciare) e quindi iniziare a valutare il rendimento della strategia di offerta. Quando si valuta il rendimento, è consigliabile tenere presente la finestra dell'obiettivo di conversione.
    4. Valutazione e rettifica: Fasi successive  Verificare il rendimento della campagna dal periodo di formazione e apportare le rettifiche eventualmente necessarie. Per il CPA target, è consigliabile apportare rettifiche pari al massimo al 20% in più o in meno.
  • Tempestività delle conversioni: Quando le conversioni si verificano più di sette giorni dopo i clic associati, è difficile per Massimizza conversioni e CPA target impostare offerte efficaci. Se la maggior parte delle conversioni si verifica più di sette giorni dopo i clic associati, è consigliabile non utilizzare Massimizza conversioni e CPA target.
  • Conversioni offline: Se non è possibile caricare le conversioni offline ogni giorno, è consigliabile non utilizzare Massimizza conversioni e CPA target. Per ottenere risultati ottimali, caricare le conversioni offline entro due giorni da quando si verificano.

See more videos...